Siate artigiani di Pace!

Siate artigiani di Pace!

Bellissima mattinata insieme ad oltre 400 scout per manifestare per la pace in occasione del Thinking day 2024, la Giornata del Pensiero che unisce gli scout di tutto il mondo.
Ho avuto l’onore di portare i saluti del Sindaco Enzo Salera e dell’Amministrazione comunale e l’ho fatto con queste parole:
«Grazie a voi tutti per aver voluto questo momento di pace, questo momento di testimonianza rivolto alla nostra città di Cassino. Oggi siamo qui per dire che noi scegliamo la pace, che noi restiamo umani, che noi non ci abitueremo mai alla guerra e che mai diventeremo degli indifferenti.
La Pace deve, oggi più che mai, essere un sogno concreto. Certo, è difficile che i sogni siano concreti. Anche gli ideali, le profezie sembrano essere tutt’altro che concreti.
Ma noi siamo qui oggi perché crediamo profondamente alla concretezza di questo sogno.
In questa nostra Europa abbiamo deciso 80 anni fa di non permettere mai più una guerra fra due popoli: un risultato enorme all’indomani della seconda guerra mondiale! Un progresso enorme delle nostre democrazie dal quale non vogliamo retrocedere.
Eppure da due lunghissimi anni, nel cuore della nostra Europa, in Ucraina, si combatte, si muore, muoiono soldati, muoiono civili, muoiono bambini. Perché la Russia ha invaso l’Ucraina e perché Putin ha invaso la Russia.
Noi scout ci sentiamo CITTADINI DEL MONDO per questo crediamo che le ucraine e gli ucraini sono nostre sorelle e nostri fratelli. Ed anche le russe e i russi lo sono. La popolazione ucraina è sorella della popolazione russa ed entrambe sono sorelle della nostra popolazione: che è la popolazione europea.
Non c’è e non ci deve essere un popolo nemico di un altro popolo.
Né in Europa né in Medio oriente né in nessuna altra parte del mondo.
Penso a quanto accade ogni giorno nella striscia di Gaza: migliaia di bambini uccisi, una vera e propria strage degli innocenti. più passano i giorni, più aumentano i morti e le violenze.
Di fronte a questi disastri però, dai quali ci sentiamo profondamente interrogati, vale la responsabilità personale e quella collettiva: nei cuori di ciascuno non può esserci spazio per il desiderio di conquistare, avvilire e devastare un altro popolo, altre persone. Siamo qui per dire che per noi, CITTADINI DEL MONDO, non contano i confini, contano le persone.
C’è chi pensa ancora che l’umanità possa tollerare un conflitto continuo. Il Papa l’ha chiamata “terza guerra mondiale a pezzi”. Ma non è questo il mondo che vogliamo costruire.
E lo diciamo da qui, da Cassino, una città legata all’Europa, legata al mondo, perché Cassino è una città martire, testimonianza del desiderio di pace, speranza in un sogno concreto che si chiamava e si chiama ancora oggi Pace.
Ogni volta che pensiamo alla guerra ci viene naturale pensare ai bambini: sta lì tutta la nostra responsabilità, tutta la nostra civiltà. Il grado di civiltà di una società si misura da questo: da quanto si riesce a permettere ai bambini di crescere nella libertà e nella giustizia.
Noi pensiamo di poter costruire la pace partendo dall’educazione delle giovani generazioni, camminando insieme a loro lungo le strade della nonviolenza e della mondialità, con spirito di fratellanza universale, rispetto delle differenze culturali e religiose, occasione di dialogo e di arricchimento.
“E le genti che passeranno ti diranno che bel fior”: Ecco, teniamo presente che chi viene dopo di noi, i nostri figli, i nostri fratellini, giudicherà la bellezza di ciò che abbiamo fatto se saremo capaci di consegnare loro un pianeta in cui fioriscono fiori di pace, di uguaglianza, di giustizia.
Ecco perché siamo chiamati tutti a fermarci e ad essere ARTIGIANI DI PACE. Grazie a tutti voi di essere qui e buona strada!»
Basta guerra!

Basta guerra!

Basta guerra! Due anni di guerra in Ucraina, nel cuore dell’Europa! e decine di altre guerre in altrettante parti del mondo. Mesi di strage di civili nella Striscia di Gaza.
L’anno scorso il 24 febbraio eravamo in piazza Diamare a manifestare solidarietà al popolo ucraino.
Due anni fa, sempre il 24 febbraio, eravamo in Comune ad organizzarci per accogliere gli oltre 200 profughi che sarebbero arrivati.
Oggi, 24 febbraio, siamo qui a dire che ogni guerra ci riguarda da vicino perché noi restiamo umani, non ci abitueremo mai, non saremo mai indifferenti e come città martire della guerra saremo sempre pronti ad accogliere chi cerca un luogo di pace.
Buongiovanni? Manca di concretezza

Buongiovanni? Manca di concretezza

LeggoCassino, intervista di Alberto Simone | L’assessore pronto a scommettere qualunque sulla vittoria di Salera alle comunali. “Buongiovanni? La gente non vuole sapere se vai a messa la domenica, ma cosa fari per la città. Inoltre, bisogna vedere se sarà effettivamente lui il candidato definitivo del centrodestra”. Lunedì ad Exodus l’assemblea di Demos: ‘100 cose fatte, 100 cose da fare’.

Comunali, il fattore Maccaro

Comunali, il fattore Maccaro

Ciociaria Oggi, intervista di Lorenzo Vita | Alla fine a premiare sono i risultati. Il miglior balsamo per lenire i livori che in questi cinque anni hanno più volte scosso la maggioranza. E proprio sulla base dei traguardi raggiunti che si cementa l’alleanza di centrosinistra, pronta a schierarsi compatta a sostegno della ricandidatura di Enzo Salera. Ecco perché Luigi Maccaro, assessore alla coesione sociale e coordinatore provinciale di Demos, lo ripete come un dogma: «Quest’amministrazione passerà alla storia». E lo fa conclamando la fiducia di Demos a Enzo Salera.

Questi cinque anni per lei non sono stati scevri da malumori interni alla maggioranza che l’hanno vista spesso invisa al sindaco Salera…

Guardi, lo ripeto per l’ennesima volta: come Demos, fin dalle primarie del 2019, quelle vere, siamo stati pienamente dentro la coalizione, senza chiedere mai niente, per amministrare la città di Cassino. Abbiamo fatto del nostro meglio, soprattutto nel campo del sociale. E quello “spirito di comunità” evocato nelle ultime ore da chi accusa la nostra amministrazione di aver pensato solo alle opere pubbliche noi l’abbiamo coltivato e ce ne siamo presi cura con impegno e passione. Si è visto nella gestione dell’emergenza da pandemia e nell’accoglienza dei profughi dall’Ucraina. Si è visto nei numerosi progetti sociali che hanno coinvolto cittadini e terzo settore, dall’Emporio sociale alla Consulta disabili. I malumori ci sono stati solo ed esclusivamente in occasione delle elezioni provinciali, che non c’entravano niente con l’amministrazione comunale, dove abbiamo liberamente fatto scelte diverse proprio perché concertate su un piano provinciale con le segreterie provinciali del centrosinistra. Se questo ha creato mal di pancia mi dispiace ma la nostra autonomia resta insindacabile.

La coalizione di centrosinistra  in queste settimane ha visto l’ingresso di nuove liste e piattaforme politiche. Un segnale di fiducia verso l’amministrazione?

Non poteva essere diversamente. Questa Amministrazione passerà alla storia per la ricchezza degli interventi fatti in tutti i campi per il bene della comunità, malgrado il dissesto economico, malgrado la pandemia, malgrado una macchina amministrativa che cinque anni fa era da rigenerare con forze nuove e competenti. Ed è stato fatto pure questo. Ovvio che siamo attrattivi per tutte quelle persone che vogliono contribuire all’ulteriore crescita della nostra città. Oggi siamo alla fine del primo tempo di una partita che finora abbiamo giocato con grande determinazione. Stiamo per rientrare negli spogliatoi soddisfatti dei tanti gol messi a segno, certi di lasciare una città migliore rispetto a cinque anni fa. Vogliamo giocare il secondo tempo e siamo contenti di poter allargare la squadra a persone e gruppi che hanno fiducia nel domani sapendo che il momento della responsabilità è adesso.

Demos come si sta preparando all’appuntamento elettorale? È vero, come si dice, che non farete una lista?

Noi siamo l’unica forza politica che ha cominciato ad ottobre a fare incontri pubblici con cadenza mensile per coinvolgere la cittadinanza nella preparazione delle proposte per le prossime elezioni. L’incontro di lunedì 19 febbraio ha per titolo “100 cose fatte, 100 cose da fare”. Arrivano tante persone nuove, alcune delle quali hanno già dato disponibilità a candidarsi. Cinque anni fa eravamo tutti alla primissima esperienza, oggi Demos ha un peso politico provinciale, è più forte ed è pronta a crescere ancora accogliendo tutte quelle persone che vogliono cogliere la sfida del bene comune. Cassino ha ancora bisogno di fare passi importanti verso il futuro a partire, ad esempio, dalla crescita della sua dimensione internazionale e dalla capacità di stare al centro di un sistema complesso con i comuni del cassinate, Provincia, Regione, imprese e forze sociali. Le scommesse sull’ambiente, sulla sanità territoriale, sulla crescita economica sono lì ad aspettarci e a chiederci di fare ancora del nostro meglio. Per questo Demos ci sarà con la sua lista per vincere ancora.

100 cose fatte…

100 cose fatte…

Sono passati quasi 5 anni da quando Demos – Democrazia Solidale ha iniziato il cammino al servizio della città di Cassino. Abbiamo selezionato 100 “cose fatte” tra quelle che riteniamo più significative. Le vorremmo raccontare agli Amici che ci hanno sostenuto in questi anni: senza quel sostegno niente di tutto ciò sarebbe stato possibile. Ma “non si arriva se non per ripartire” per questo vorremmo scrivere insieme le 100 “cose da fare” se verremo rieletti alle prossime elezioni del 9 giugno. Aspettiamo anche te, martedì 23 gennaio alle 17.30 a Exodus. 😉

Se da oggi tanti cittadini possono guardare con più fiducia al loro futuro è perché finalmente la Politica fa vedere le cose buone, le cose che rendono questa comunità una comunità solida perché solidale, forte perché capace di non lasciare indietro nessuno.


Un elenco…

  1. Alessandra Umbaldo eletta Vice Presidente del Consiglio comunale
  2. Istituzione della Consulta per i diritti delle persone con disabilità
  3. Taxi sociale
  4. Nuovo Regolamento Centro Anziani, gestione affidata alle APS
  5. Istituzione del Garante comunale per l’infanzia e l’adolescenza
  6. Regolamento per i rapporti con il Terzo Settore
  7. Istituzione del Consiglio comunale dei Giovani 15-25 anni
  8. Istituzione dei Comitati di Quartiere
  9. Regolamento per la gestione dei beni confiscati
  10. Creazione del Centro Affidi distrettuale
  11. Avviso per la concessione di alloggi ATER
  12. Gestione Emergenza Covid
  13. Gestione Volontari “Cassino Risponde”
  14. Gestione Emergenza Ucraina
  15. Gestione Emergenza chiusura Reddito di Cittadinanza
  16. Delibera Cooperativa di Comunità
  17. Tavolo sulla Grave marginalità sociale
  18. Piano Eliminazione Barriere Architettoniche
  19. Fondo Barriere Architettoniche indennità amministratori
  20. Emporio solidale con Banca Pop. Cassinate
  21. Casa di Willy, centro aggregazione San Bartolomeo
  22. Movida sicura
  23. Protocollo intesa dipendenze Asl, Unicas, Exodus
  24. Progetto prevenzione scuole sulla cannabis
  25. Sportello ascolto e orientamento sul gioco d’azzardo
  26. Protocollo intesa Caritas, Casa della Carità persone senza fissa dimora
  27. Istituzione della via fittizia per un persone senza fissa dimora
  28. Formazione famiglie affidatarie
  29. Sportello psicologico adolescenti
  30. Evento “La città dei ragazzi”
  31. Tavolo politiche giovanili
  32. Gestione progetti Servizio civile
  33. Gestione Progetti di Utilità Collettiva
  34. Partecipazione alla Marcia della Pace Perugia Assisi
  35. Evento di solidarietà con il popolo ucraino
  36. Incontro fra l’Amministrazione comunale e la prima municipalità di Kiev
  37. Registro Comunale Terzo settore
  38. Gestione Rocca Janula per il Turismo giovanile
  39. Progetti Terza Età con i Centri Anziani
  40. Formazione Centri Anziani stili di vita sani
  41. Formazione Centri Anziani sul gioco d’azzardo
  42. Celebrazione della Festa dei nonni
  43. Incremento dei fondi per il sociale da x a 5 mln
  44. Realizzazione Carta dei Servizi per il Sociale
  45. Gestione contributo affitti
  46. Ufficio persone con disabilità
  47. Incremento assistenza specialistica nelle scuole
  48. Inclusione sociale disabili attraverso il lavoro nell’emporio solidale
  49. Celebrazione Giornata per i diritti dell’infanzia e adolescenza
  50. Celebrazione Giornata mondiale della disabilità
  51. Celebrazione Giornata mondiale del volontariato
  52. Celebrazione Giornata della Colletta Alimentare
  53. Distribuzione buoni spesa
  54. Distribuzione pacchi alimentari
  55. Programmi di affido familiare
  56. Interventi di educativa domiciliare
  57. Gestione del Servizio Accoglienza integrata per 50 immigrati richiedenti asilo
  58. Gestione Progetto Spazio Inclusione sociale per integrazione immigrati
  59. Natale solidale
  60. Mercatino della solidarietà
  61. Adozione della Cartella sociale Informatizzata
  62. Giornata raccolta pneumatici
  63. Proposte di modifica Regolamento Toponomastica
  64. Raccolta racconti sul bullismo
  65. Incremento Assistenti sociali del Comune da 1 a 4
  66. Incremento Assistenti sociali del Consorzio su Cassino da 4 a 9
  67. Incremento spazi ufficio Servizi sociali da 4 a 8 stanze
  68. Inserimento figura psicologo tra il personale del servizio sociale
  69. Contributo annuale gestione centri Anziani
  70. Tavolo di co-progettazione con Enti del Terzo settore
  71. Nuovi mezzi trasporto disabili con PMG
  72. Progetto città sostenibile con PMG piantumazione 100 nuovi alberi
  73. Candidatura di Alessandra Umbaldo al Consiglio regionale delle autonomie locali
  74. Contributo determinante all’elezione del Presidente della Provincia
  75. Concerto Morricone con Nello Salsa

 

Garante infanzia, pubblicato l’avviso

Garante infanzia, pubblicato l’avviso

E’ stato pubblicato l’Avviso per la nomina del Garante Comunale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza in attuazione della Delibera di Consiglio comunale n. 112 del 20.07.2021 recante “Istituzione del Garante dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza ed approvazione del Regolamento”.
Il Garante è organo monocratico, con incarico quinquennale, rinnovabile una sola volta.
Il candidato verrà scelto tra le persone di notoria indipendenza e di indiscussa moralità che dispongono di particolari competenze nel settore della tutela dei diritti dei minori o dell’infanzia, della prevenzione del disagio sociale e dell’intervento sulla devianza minorile, o che abbiano ricoperto incarichi istituzionali di particolare responsabilità e rilievo nell’ambito delle materie sociali.

Al Garante competono le seguenti funzioni e compiti di cui all’art. 3 del Regolamento istitutivo, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 112 del 20.07.2021:

Il Garante svolge le seguenti funzioni:

vigila sull’applicazione nel territorio cittadino della Convenzione Onu del 20 novembre 1989, ratificata e resa esecutiva con legge del 27 maggio 1991, n. 176, nonché della Carta Europea di Strasburgo del 25 gennaio 1996, ratificata e resa esecutiva con legge del 20 marzo 2003, n. 77, conformemente a quanto stabilito anche a livello nazionale dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza, con la legge 12 luglio 2011, n. 112, nonché con quanto stabilito dalle altre Convenzioni internazionali e dalle norme adottate in materia di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, per quanto rientra nelle attribuzioni e nelle competenze del Comune di Nettuno;

promuove, con organizzazioni, associazioni, istituzioni impegnate nel settore della cultura per l’infanzia e per l’adolescenza, iniziative finalizzate al riconoscimento del valore, della dignità e dei diritti dei minori;

può partecipare e collaborare, e ove possibile, promuovere, iniziative collegate alla Giornata dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 20 novembre, istituita ai sensi della legge 23 dicembre 1997, n. 451;

vigila sui fenomeni di esclusione sociale, di discriminazione dei bambini e degli adolescenti, per motivi di sesso, di religione o di appartenenza etnica verificando, tramite la collaborazione con i soggetti preposti, che alle persone di minore età siano garantite pari opportunità di accesso ai diritti;

promuove iniziative per la prevenzione e la protezione dai rischi di espianto di organi, di mutilazione genitale femminile (MGF), di abuso sessuale e di sfruttamento pornografico;

vigila sui fenomeni dei minori scomparsi, sulla presenza nel territorio di minori non accompagnati, dei minori abbandonati non segnalati ai servizi sociali o alla magistratura minorile; nonché verifica le condizioni dei minori stranieri non accompagnati e gli interventi attuati in loro favore;

vigila sui fenomeni dell’evasione e dell’elusione dell’obbligo scolastico e dello sfruttamento del lavoro minorile, in collaborazione con gli enti competenti e con le organizzazioni competenti e del privato sociale, al fine di prevenire l’inveramento di ogni situazione di pregiudizio, abuso, maltrattamenti;

vigila sul trattamento dei minori in tutti gli ambienti esterni alla famiglia, e in particolare nei luoghi in cui essi sono inseriti per disposizione dell’autorità giudiziaria e attraverso servizi i sociali, segnalando all’autorità amministrativa e all’autorità giudiziaria le situazioni che richiedono interventi immediati di ordine assistenziale o giudiziario;

promuove, in collaborazione con le Istituzioni e i servizi competenti, la cultura e la pratica dell’affidamento familiare;

può promuovere, anche in collaborazione con gli enti, le strutture territoriali competenti e le associazioni, iniziative a favore dei minori affetti da malattie di rilevante impatto sociale, sotto il profilo della prevenzione, della diagnosi precoce, dei trattamenti terapeutici, della riabilitazione, al fine di garantire loro un trattamento ottimale;

ascolta, ove ritenuto opportuno, anche direttamente, i bambini e gli adolescenti che intendano parlargli, in presenza di una persona maggiorenne di riferimento, adoperandosi perché le loro esigenze, se ritenute fondate e legittime, vengano prese in seria considerazione come da loro richiesto e portate a conoscenza delle Autorità competenti per essere dalle stesse esaminate;

segnala alle Amministrazioni pubbliche competenti i fattori di rischio o di danni per i minori derivanti da situazioni ambientali carenti o inadeguate dal punto di vista igienico sanitario;

può esprimere parere, non vincolante, sugli atti di carattere generale in materia di interventi riguardanti l’infanzia e l’adolescenza;

può promuovere e sostenere la nascita di tutori volontari;

può promuovere con le Amministrazioni interessate, protocolli di intesa utili a poter espletare le sue funzioni anche attraverso verifiche dirette delle condizioni dei minorenni in ogni situazione essi si trovino, previo consenso dei soggetti esercenti le responsabilità genitoriali, dirette o vicarie, e con i responsabili delle strutture stesse;

può attivare azioni e progetti specifici di studi, promozione, comunicazione e formazione dei, o sui, diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, autonomamente, o con il supporto dell’ufficio comunale competente o dei soggetti del terzo settore o dei soggetti privati competenti in materia;

collabora con il Garante nazionale e regionale.

L’incarico di Garante sarà svolto a titolo gratuito.

La domanda, il curriculum, dovranno pervenire al Comune di Cassino ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12.00 DEL DECIMO GIORNO SUCCESSIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEL PRESENTE AVVISO SULL’ALBO PRETORIO ONLINE, a pena di esclusione, con una delle seguenti modalità:

  • tramite PEC al seguente indirizzo: servizio.protocollo@comunecassino.telecompost.it;
  • consegnata a mano presso l’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Cassino.

ALLEGATI

  1. Regolamento Garante comunale per i diritti dell’Infanzia e Adolescenza
  2. Determina n. 123 del 15/01/2024
  3. Avviso pubblico e Modello di domanda

Gioco d’azzardo, pandemia infinita

Il gioco d’azzardo è una pandemia che non finisce mai e coinvolge tutti, dai giovani agli anziani. Nel servizio di Rai3 la storia di chi si è rovinato la vita ed ora cerca di ricominciare. I malati d’azzardo sono sempre di più, distruggono famiglie intere oltre a dilapidare patrimoni per sostenere un giro d’affari pazzesco di cui beneficiano insieme lo Stato e le organizzazioni criminali. Sempre più gente vuole scappare dalla realtà e rifugiarsi nell’illusione di poter cambiare all’improvviso la propria vita. Ma puntualmente piomba in disgrazia.

Istituito il Consiglio comunale dei Giovani

Istituito il Consiglio comunale dei Giovani

Istituito a Cassino il Consiglio comunale dei Giovani (15-25 anni) con il voto unanime dei Consiglieri presenti in Aula.
Un organismo che rende realmente partecipi i giovani, rendendoli responsabili e propositivi nella vita politica e amministrativa della comunità. E’ il primo passo verso la costruzione di una cittadinanza attiva e partecipativa. Abbiamo bisogno del protagonismo giovanile perché la nostra società evolve velocemente e le idee, così come l’operatività dei giovani, devono avere un ruolo centrale nell’agenda politica e amministrativa se vogliamo costruire una società solidale e al passo con i tempi.
Il Consiglio Comunale dei Giovani è anche un’opportunità per noi amministratori di poterci confrontare con le nuove generazioni che vivono e percepiscono il territorio da un’angolatura diversa.
Bellissima la presenza di una rappresentanza del Gruppo Scout CNGEI, segno che da parte dei giovani c’è voglia di impegno e di partecipazione. Buona strada, ragazzi!

Il Consiglio regionale del Lazio, con la Legge regionale n. 20 del 2007 approvava un dispositivo finalizzato a promuovere strumenti di partecipazione istituzionale delle giovani generazioni alla vita politica e amministrativa locale.
Con questa legge la regione riconosce e favorisce l’istituzione, lo sviluppo e l’interazione dei consigli comunali dei giovani al fine di:
promuovere la partecipazione dei giovani alla vita politica e amministrativa locale;
facilitare la conoscenza, da parte dei giovani, dell’attività e delle funzioni dell’ente locale;
Tra l’altro, ogni anno, la Regione Lazio assegna contributi ai Comuni che hanno istituito il Consiglio comunale dei giovani.

La Giunta regionale del Lazio, con Delibera n. 27 del 2008, approvava gli Indirizzi per la costituzione ed il funzionamento dei consigli comunali dei giovani al fine di assicurarne i requisiti minimi di uniformità in ambito regionale.
In tale documento di indirizzo è specificato che il Consiglio comunale dei Giovani si rivolge a tutti i giovani residenti nel comune di appartenenza ed aventi un’età compresa fra i 15 e i 25 anni.
Essi possono:
presentare proposte di deliberazione al Consiglio comunale e alla Giunta;
esprimere pare preventivo, anche se non vincolante, su tutti gli atti emanati al Consiglio comunale, dal Sindaco e dalla Giunta che riguardano specificatamente i giovani o la condizione giovanile compresa nella fascia 15-25 anni.

Nella nostra città di Cassino, ad oggi, risiedono 3.138 giovani in quella fascia d’età. 1.635 ragazzi e 1.503 ragazze. Tremila cittadini ai quali si aggiungo i tantissimi giovani che vivono Cassino nella loro qualità di studenti fuorisede o addirittura stranieri. E i tantissimi altri che arrivano dai paesi vicini, la sera e nei weekend per vivere il loro tempo libero.

Si tratta di migliaia di ragazzi che hanno il diritto di partecipare al progresso della città, al miglioramento delle condizioni di vita della loro fascia d’età, che hanno il diritto di esprimersi su tutte le politiche cittadine che in qualche modo hanno una ricaduta sulla loro vita: dalle scuole all’università, dai trasporti alle politiche sociali, dalla cultura alle strutture per il tempo libero.

D’altra parte è responsabilità di noi adulti promuovere fra i giovani una cittadinanza responsabile anche attraverso la conoscenza e la partecipazione alla vita della comunità e delle sue Istituzioni.

I giovani di questo nostro tempo sono in qualche modo sopravvissuti alla terribile esperienza del lockdown e assistiamo fra loro al sempre crescente fenomeno dell’isolamento sociale. Non solo. Per questi giovani i drammi planetari arrivano uno dopo l’altro: Pandemia, Guerra in Ucraina, Guerra Israele-Palestina… drammi che minano fortemente la fiducia nel futuro. per non parlare dei NEET, una generazione in panchina, come è stata definita nel Rapporto Giovani 2022 dell’istituto Toniolo. Solo nel 2023 il nostro Sportello di ascolto psicologico per adolescenti ha erogato quasi mille ore di consulenza.

Secondo l’ISTAT – ma lo vediamo nella nostra esperienza quotidiana – la partecipazione politica dei giovani è ai minimi storici ed è dovuta per lo più a mancanza di fiducia verso le istituzioni e mancanza di interesse verso politiche che invece spesso li riguarda da vicino.

Oggi, con questa proposta, vogliamo assumere l’impegno e la responsabilità di costruire un’opportunità di partecipazione dei nostri giovani alla vita politica, amministrativa, democratica della nostra comunità. Vogliamo offrire un’occasione in più per avvicinare i giovani alla politica permettendo loro di sperimentare gli strumenti della democrazia.

I giovani hanno sempre più l’impressione che non avranno una vita adulta responsabile e pienamente realizzata per questo dobbiamo incoraggiare i ragazzi a impegnarsi nella conoscenza dei loro diritti e dei loro doveri, affinché possano desiderare un cambiamento e operare per il miglioramento dell’ambiente che li circonda.

Il Consiglio Comunale dei Giovani è un organismo che rende realmente partecipi i giovani, rendendoli responsabili e propositivi nella vita politica e amministrativa della comunità. E’ il primo passo verso la costruzione di una cittadinanza attiva e partecipativa. Abbiamo bisogno del protagonismo giovanile perché la nostra società evolve velocemente e le idee, così come l’operatività dei giovani, devono avere un ruolo centrale nell’agenda politica e amministrativa se vogliamo costruire una società innovativa e al passo con i tempi
Il Consiglio Comunale dei Giovani è un’opportunità innanzitutto per noi amministratori di poterci confrontare con le nuove generazioni che vivono e percepiscono il territorio da un’angolatura diversa. Il Consiglio Comunale dei Giovani è senz’altro un’occasione per rendere questi ragazzi partecipi e responsabili sui temi che ogni giorno affrontiamo.
Si tratta un ulteriore punto qualificante del nostro programma elettorale che abbiamo rispettato e portato a termine. Un’iniziativa di grande valore sociale che incentiva fortemente  la partecipazione giovanile alla vita politico – amministrativa della nostra città. Siamo convinti  che il contributo che verrà dal Consiglio dei Giovani arricchirà il dibattito sulle scelte programmatiche, in particolare per quelle che riguardano il futuro.

Un cammino condiviso e unitario

Un cammino condiviso e unitario

Elezioni PROVINCIALI: Grande vittoria del centrosinistra unito che conquista 5 seggi con oltre il 35% dei consensi e mantiene la maggioranza in Provincia di Frosinone.
Congratulazioni a tutti gli eletti e in particolare a Gino Ranaldi, Consigliere provinciale della nostra città di Cassino ed i migliori auguri di buon lavoro a tutti per il bene e la crescita di tutta la comunità del nostro territorio provinciale.
La Provincia dei cittadini (Pd, Demos, Azione, Italia Viva, Possibile), lista costruita in questi mesi per unire partiti e movimenti democratici e progressisti, sta a dimostrare che il centrosinistra unito vince e governa con serietà e risultati concreti. Ed è questa la migliore prospettiva possibile di fronte ad una destra che a livello regionale e nazionale non è capace di dare risposte.
Un voto provinciale straordinario che investe ancora di più di responsabilità il centrosinistra ed i suoi eletti da oggi chiamati ad un impegno serio e costante per innalzare la qualità della vita in tutti i 91 Comuni della nostra Provincia di Frosinone.
La Provincia dei Cittadini: un progetto politico da continuare a far crescere per dare risposte concrete ai problemi della nostra comunità: lavoro, ambiente, attenzione ai più fragili, viabilità, sviluppo.
Un cammino condiviso e unitario per il bene comune.
Il sociale, tra politica e antipolitica.

Il sociale, tra politica e antipolitica.

SocialNews 6 | Nel tempo in cui cresce enormemente il numero di persone che scelgono di non andare a votare, nel tempo dell’antipolitica che va ormai di moda, il sociale può restituire dignità alla politica? Dal sociale alla politica per dare scacco all’antipolitica.

  1. Mettere al centro la persona, i suoi bisogni, le sue speranze, la sua dignità può far tornare “popolare” la politica? Il tema dei diritti umani: dai diritti individuali con i loro rischi ai diritti sociali, collettivi, comunitari con le loro potenzialità. I giovani e il disagio giovanile di fronte alla società della competizione, perfetta nell’apparenza ma che nasconde tanta solitudine. La Pace: come cercarla ad ogni costo attraverso l’impegno personale e la testimonianza e attraverso la politica. Il Terzo settore: è giusto “immischiarsi” come invita a fare Papa Francesco? O è meglio tenersi alla larga dalla politica? Dal sociale alla politica per dare scacco all’antipolitica.
    Vi aspettiamo lunedì 13 novembre alle 17.00 al Cantiere Aperto, in via Carducci 18 a Cassino. Gli ospiti di questa seconda puntata saranno: Barbara Funari, Assessora alle politiche sociali di Roma Capitale, Gianni Novello, già vice Presidente nazionale di Pax Christi, don Mariano Salpinone, Direttore dell’Oratorio Don Bosco di Formia e Manuela Cerqua, consigliere comunale di Sora e componente della segreteria provinciale di Demos – Democrazia Solidale. Clicca qui per saperne di più…

  2. Entro l’anno nel popoloso quartiere di San Bartolomeo sarà inaugurata “La Casa di Willy”. Diventerà una vera infrastruttura della comunità educante fatta di famiglie, scuole, istituzioni e terzo settore. Un centro aggregativo giovanile nel cuore del quartiere San Bartolomeo. Proprio laddove si concentra in forma maggiore il problema del disagio giovanile. La “Casa di Willy”, che sarà inaugurata nel mese di dicembre, diventerà la seconda casa dei ragazzi della zona, grazie alle numerose attività promosse dagli enti del terzo settore che ne prenderanno la gestione. Proprio in questi giorni è stato pubblicato l’avviso pubblico. Clicca qui per l’intervista fatta con Lorenzo vita di Ciociaria oggi

  3. Demos – Democrazia Solidale nomina la prima Segreteria provinciale di Frosinone, confermandomi nel ruolo di Segretario provinciale e coinvolgendo numerosi amici e amministratori della comunità politica che cresce sul nostro territorio. Clicca qui per vedere i membri della Segreteria e gli incarichi

  4. Alessandra Umbaldo, la nostra Capogruppo in Consiglio Comunale è candidata al Consiglio delle Autonomie Locali del Lazio. Il CAL rappresenta la sede istituzionale nell’ambito della quale gli enti locali sono chiamati ad assumere posizioni comuni in ordine alle scelte di politica legislativa e di programmazione territoriale ed economico-sociale che li vedano coinvolti. Facciamo il tifo per Alessandra! Clicca qui saperne di più

  5. Abbiamo incontrato la delegazione del Partito Democratico per costruire insieme una lista unitaria per le prossime elezioni provinciali. Crediamo molto nella necessità di un centrosinistra forte e unito dove la ricchezza delle varie espressioni possa essere valorizzata in un clima di condivisione e di partecipazione. Di fronte ad un centrodestra che sta dimostrando a tutti i livelli insufficienza di risposte ai bisogni delle persone, il lavoro di squadra è l’unica risposta possibile per il nostro territorio.
    La lista unica del centrosinistra per le prossime elezioni provinciali è soprattutto l’apertura di un laboratorio politico che ci vede insieme di fronte alla sfida del bene comune. Una sfida che il centrosinistra ha già dimostrato di saper cogliere! Clicca qui saperne di più

  6. Intanto Exodus Cassino ha festeggiato il suo 33° anniversario con la tradizionale Giornata del Ringraziamento. 33 anni sono tanti, un percorso che ci consente di guardarci indietro e osservare con una certa soddisfazione a questi oltre tre decenni, alle tante avventure nel campo della prevenzione, della cura e del reinserimento delle persone con gravi difficoltà. Ma questa storia ci impegna soprattutto a guardare al futuro, a continuare questo impegno, a cercare continuamente nuove possibilità per aiutare i ragazzi a non rovinarsi la vita, con la stessa speranza, con la stessa determinazione che hanno caratterizzato questi anni e che abbiamo imparato dal nostro fondatore. Clicca qui saperne di più

  7. In pochi credono che un giovane partito come Democrazia solidale possa fare la differenza, ma la realtà è ciò che sta già accadendo. Continuiamo a mettere al centro della nostra politica le persone e la vita reale dei cittadini, continuiamo nella nostra missione per una politica che rispetti le differenze, che lotti contro le discriminazioni e che persegua sempre il bene comune. Insieme, sempre. Con #laforzadelnoi
    L’individualismo è una minaccia per la coesione sociale, precondizione per lo sviluppo.
    Quella di Demos è una proposta comunitaria, che si oppone a tutti i fenomeni disgregatori della nostra società con la riscoperta del valore del bene comune a partire dal sostegno dei più deboli.
    Ci concentriamo sull’ascolto delle esigenze e dei problemi e su tutti i tipi di fragilità. Se non si riparte dagli “ultimi” non si può ricreare il tessuto comunitario, non si può ridare senso al concetto di cittadinanza inteso come condivisione di un destino, a prescindere da nascita, cultura, provenienza geografica, etnia, religione, condizione economica.
    Cittadinanza che deve essere sinonimo di comunità sociale, di solidarietà e che trova ragione nella condivisione delle sorti di tutta la collettività, nel rispetto delle sue regole e nella partecipazione alla costruzione di una società aperta, accogliente e giusta.
    Demos, dal basso, con l’aspirazione ad essere una forza che assume l’umanesimo e la solidarietà come linee guida. Le nostre esperienze e vocazioni provengono dall’impegno sociale, dal volontariato, dal lavoro e dalla fatica quotidiana. fragili.

Se vuoi sapere cosa abbiamo fatto in questi anni clicca qui

Se vuoi partecipare clicca qui.

Se vuoi partecipare alla campagna elettorale per l’elezione del prossimo consiglio comunale, puoi:

Partecipare agli incontri del Circolo Demos di Cassino. Clicca QUI per vedere il calendario degli appuntamenti
Iscriverti a Demos, partecipare alle riunioni del circolo, condividere con altri amici la costruzione di progetti per il bene comune;
Diventare Volontario, collaborare nella produzione e nella promozione di contenuti facendo volantinaggio ai banchetti oppure attraverso il web e i social media;
Candidarti al Consiglio comunale nella lista di Demos, contattare familiari e amici per raccogliere i voti che potrebbero portarti a fare un’esperienza di servizio all’interno delle Istituzioni;
Fare una donazione. Bastano anche 5€ che andranno a sostenere la nostra campagna elettorale. Troverai tutte le spese rendicontate sul nostro sito web;

Se vuoi partecipare clicca qui

Mi farebbe molto piacere sapere cosa pensate di questi spunti, leggo volentieri commenti, suggerimenti e critiche inviate a: posta@luigimaccaro.it