Exodus e Montecassino: impegno e vocazione

La storia di Exodus a Cassino nasce 25 anni fa proprio grazie all’intuizione profetica dell’Abate Bernardo e della comunità monastica di Montecassino. Era il 1990 e una delle prime Carovane, le esperienze educative itineranti che promuoveva don Mazzi fin dai primi anni ’80, fu ospitata proprio dai benedettini.

Erano gli anni in cui l’aids e le overdose da eroina mietevano tante vittime fra i giovani dovunque e don Bernardo D’Onorio non si lasciò sfuggire l’occasione di chiedere un presidio stabile a Cassino per accogliere i ragazzi tossicodipendenti della zona e per svolgere un’azione di prevenzione in favore del territorio. Così, superate le riserve di alcuni cittadini, il 28 ottobre del ’90, fu inaugurata la comunità Exodus di Cassino in una casa colonica di San Pasquale messa gratuitamente a disposizione dall’Abbazia.

Noi ci siamo sempre sentiti figli “adottivi” di Montecassino, abbiamo cercato i punti di incontro fra il metodo educativo di Exodus ed il carisma benedettino, nella vita quotidiana e nelle regole della comunità ma anche, e soprattutto, nella ricerca di noi stessi, nella scoperta della vocazione di ciascuno, nell’esodo di liberazione, nella sintesi profondamente umana dell’ora e del labora.

Leggi tutto